Legambiente Otranto

Il rischio idrogeologico in Italia

alluvione_vibov

Data: 10/03/2010


Categoria: Ambiente e territorio


Bastano poche piogge per provocare una tragedia. Il nostro Paese paga un altissimo prezzo per aver devastato il territorio con enormi e incontrollate colate di cemento. E’ dunque necessario insistere per risalire alle responsabilità e tornare sulla necessità di investire nella manutenzione del territorio.

Lo scorso anno la tragedia per il maltempo si è avuta a Cagliari, quest'anno Messina, poi Ischia, non c’è parte del territorio italiano che non abbia conosciuto nel tempo gli effetti della cattiva gestione del suolo. Ma quel che è più grave, è che da nessuna parte appaiono positivi segnali di cambiamento.

Eppure non possiamo più aspettare. È necessaria una forte assunzione di responsabilità e una chiara volontà politica per cambiare indirizzo. La pianificazione del territorio è in molti casi da ripensare e modificare in nome dell’equilibrio idrogeologico, della sicurezza e della sostenibilità, e dell’unica, urgente e necessaria grande opera pubblica: la messa in sicurezza del territorio.

Abbiamo sempre rivolto un’attenzione particolare alla gestione dei bacini idrografici e alla difesa del suolo e ci battiamo affinché in Italia si prendano decisioni concrete per la difesa dal rischio idrogeologico, restituendo qualità al territorio

approfondimenti
Ecosistema rischio 2009

Autore/Fonte: Legambiente

Visualizza la galleria immagini della notizia

Torna ad inizio pagina

Legambiente Otranto - via A. Primaldo, 84 - 73028 - Otranto
Tel./Fax 0836 80 61 74 - Cell. 328 387 13 10 - Email: f.miggiano@legambienteotranto.it - C.F.: 92012990757


ClioCom © copyright 2017 - Clio S.r.l. Lecce - Tutti i diritti riservati